Senza categoria

Alla disperata ricerca di ciabatte da ospedale

valigiePreparare la valigia da portare in ospedale è stato più un momento comico che altro.

Innanzitutto l’ho finita di preparare tre settimane prima di partorire (so che di solito si prepara al settimo mese di gravidanza); se poi penso che ho partorito due settimane prima della scadenza del termine (e quindi la valigia era pronta solo da una settimana) penso che ho rischiato grosso, o peggio ancora che mio marito ha rischiato di dover correre da un negozio all’altro alla ricerca delle cose rimanenti!

I motivi di tutto questo ritardo?

Semplice:

– Vivendo la gravidanza in modo tranquillo e spensierato non mi sono né agitata né preoccupata di preparare la valigia il prima possibile, quindi con molta tranquillità dopo aver preso al corso preparto la lista delle cose necessarie in ospedale ho cominciato a comprare tutto il necessario;

– Visto che il corso è finito quando ero già al settimo mese di gravidanza, prima di allora non avevo ancora comprato nulla perchè non sapevo esattamente cosa comprare per il bimbo (body a manica corta o smanicati? Quante tutine? Di che misure? Dubbi amletici insomma :P) e per questo ho aspettato le indicazioni dell’ospedale;

– La lista è arrivata a settimo mese inoltrato, il periodo cioè in cui iniziavo ad essere più affaticata, avevo sempre meno voglia di muovermi e quindi ho ridotto al minimo sindacale le uscite.

Insomma per farla breve ho pensato innanzitutto di assicurarmi di avere le cose per il bimbo e poi avrei preso il necessario per me. Risultato? Le ciabatte da portare in ospedale le ho comprate tre giorni prima di partorire! :O

Non che cercassi delle ciabatte firmate Dolce&Gabbana o non avessi ciabattine in casa, ma di solito d’estate giro con le infradito e non mi sembravano proprio le più indicate per il reparto maternità; poi nel foglio dell’ospedale c’era scritto di portare delle ciabattine comode, senza piume né strass (la cosa più grave è pensare che, se l’hanno scritta, qualche futura mamma si sarà presentata con le ciavatte che neanche Amanda Lear…) e vi giuro che in un mese di ricerche non sono riuscita a trovare delle semplici ciabattine senza nessun decoro o colori particolari. Finalmente dopo tante ricerche un giorno, al mercato (peccato che era appunto qualche giorno prima di partorire anche se io ancora non lo sapevo), le ho trovate: comode, bianche, semplici, proprio come le cercavo io!

Insomma, sappiatelo: il parto è un’esperienza davvero faticosa, ma anche la ricerca delle ciabatte non è uno scherzo! 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...