La mia esperienza

Sono incinta!

Test di gravidanza - immagine21 Dicembre 2013: credo non dimenticherò mai questa data, il giorno in cui ho scoperto di essere incinta di Giacomo.

Io e Andrea, mio marito, eravamo già da qualche mese alla ricerca di un bimbo; all’inizio in modo spensierato, senza troppe aspettative, pensando: “Ma sì, siamo giovani, abbiamo tutta la vita davanti”, subito dopo già con un’ansia che mi assaliva ogni mese sempre di più, perchè – parliamoci chiaro – non vorremmo forse che tutto avvenisse senza alcuna difficoltà?

Nel mese di Dicembre, presa dal lavoro, dai regali di Natale e soprattutto dal non sentire per l’ennesima volta nessun “disturbo fisico” (quella nausea insopportabile che ti assale nei primi mesi, la sonnolenza che ti accompagnerà per tutta la gravidanza che ti farebbe addormentare ovunque, anche su un marciapiede o mentre fai la spesa, niente gonfiore al seno che in tempi normali il mio è pressochè inesistente -.-) tipico dell’essere incinta, ero già proiettata per il mese successivo anche se ammetto che fino all’ultimo ci speravo.

Beh arriviamo al dunque: la mattina del 21 Dicembre mi alzo prima del solito (sei del mattino! 😦 ) e come sempre prima di Andrea, vedo che il ciclo non era arrivato, corro in camera e lo sveglio; decidiamo insieme, senza pensarci troppo e senza aspettare neanche il primo giorno di ritardo, di fare il test di gravidanza. Ma in casa non ne avevamo ed erano sempre le sei del mattino, un pò prestino per andare a comprarne uno in farmacia! -.-  Aspettiamo svegli e mooolto agitati fino alle 8.30 (avete indovinato: l’orario di apertura della farmacia), dopodiché lui esce e non solo porta a casa il test, ma si sbizzarrisce in una lunga chiaccherata con la farmacista – vista la poca esperienza che avevamo in materia e la molta agitazione che ci assaliva – che alla fine gli farà anche un in bocca al lupo.
Comunque: torna a casa e subito mi chiudo in bagno per fare il test (con mio marito che simula una sala d’attesa nel corridoio, andando nervosamente avanti e indietro), ma per i primi minuti non compaiono le due lineette che significherebbero missione compiuta, ma solo una piccola e insignificante linea solitaria. Dopo pochi minuti io ero già in una valle di lacrime, e lui invece si è sforzato talmente tanto a guardare il test che alla fine gli è sembrato di vedere la seconda lineetta, talmente piccola ma carica di speranze 🙂 Ok, volendo proprio dar retta alle indicazioni nella scatola ero incinta, ma questa lineetta così lieve non ci convinceva. Per farla breve nel corso della mattinata siamo usciti e abbiamo comprato altri due test (crepi l’avarizia), ma di quelli elettronici che ti dicono di quante settimane sei incinta (non volevamo più avere a che fare con linee, lineette o simili!). E qui c’ è stata la seconda e molto più lunga chiaccherata di Andrea con un’altra farmacista (abbiamo cambiato farmacia, tanto per non dare nell’occhio) durante la quale ha chiesto spiegazioni sulla famosa seconda linea comparsa durante il primo test. Insomma si è capito che volevamo a tutti i costi che qualcuno ci dicesse che aspettavamo un bambino?! Beh andando contro ogni consiglio, indicazione sulla scatola e soprattutto ogni aspettativa ho rifatto il test verso le 12.00… Era positivo!

Da quel momento in poi posso dirvi che è iniziata l’avventura più bella: io e Andrea aspettavamo Giacomo!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...